Dimensioni testo

Racconti di immersione

Racconti di immersione

Racconti di immersioni subacquee, descrizioni, mappe sub dei punti di immersione.

Ricordando una punta nel mare: Calamizzi

Punta CalamizziMa quanto è bella veramente la terra e quanto l'uomo è stupido da non accorgersene? Questo il pensiero che è nato spontaneo stamattina quando ho visto quel che rimane dell'antica Punta di Calamizzi, camminando a piedi lungo la spiaggia in prossimità della foce del Calopinace.
Il maestrale lambisce il bacino dello Stretto, generando come sempre piccole e brevi onde, grazie al potere smorzante sul vento dei Peloritani siculi: una vera e propria barriera sui venti dei quadranti settentrionali. Il mare, con questo vento, diventa blu; un bel blu sul quale spiccano il bianco dei gabbiani e delle piccole e numerose creste d'onda, tipiche di questa atmosfera frizzante di primavera. La luce, magica, invita lo sguardo a scrutare l'orizzonte: il mare, lo Stretto, la prospiciente Sicilia e la magnifica Etna, attualmente bianca fino a metà della sua altezza, sono solo alcuni elementi di un paesaggio mai ripetitivo. Mi immergo in una dimensione incantevole, turbato solo dal degrado di un litorale dimenticato, trascurato e praticamente cancellato dalle pagine di storia di questa splendida città sul mare.

Leggi tutto: Ricordando una punta nel mare: Calamizzi

Palmi: immersioni in Costa Viola

La Costa Viola è il nome che identifica la fascia costiera della provincia di Reggio Calabria, che và da Palmi fino a Villa San Giovanni, nella immediata periferia nord del capoluogo calabrese; nella zona compresa fra la Marinella di Palmi e Bagnara Calabra la Costa Viola è praticamente inaccessibile via terra in quanto sovrastata dalla montagna (alta fra i quattro e i cinquecento metri) che si inabissa verticalmente nel mare. In questo tratto di costa la montagna prosegue la sua corsa a strapiombo sotto la superficie del mare dando vita a pareti dalla bellezza mozzafiato. Giuseppe Di Francia ci racconta alcune fra le più belle immersioni che è possibile fare in questa zona della Costa Viola: lo Sperone, la parete delle Sirene, lo Scoglio delle Spugne, lo Scoglio della Sirena e la grotta dei corvini.

Leggi tutto: Palmi: immersioni in Costa Viola

Sampaguita Reef, Cebu, Filippine

Sampaguita Reef, Cebu, FilippineLe immersioni effettuate dal pontile del Sampaguita resort sono ricche di vita.
Dopo le due immersioni dalla barca è possibile farne illimitate da terra, e questo punto è molto adatto per le notturne.
Si prendono le bombole, ci si prepara di fronte al diving, dove l'attrezzatura resta stesa durante la giornata, e con la bombola in spalla si percorre l'intero pontile.
Unico neo le condizioni di marea; quando infatti la marea è bassa è difficile raggiungere la parete a nuoto, e spesso è necessario "camminare" o spostarsi nuotando goffamente nell'acqua bassa per un bel tratto.
Nonostante non vi sia molto corallo nel tratto sabbioso davanti al pontile, dispiace pensare di distruggere qualche tana o disturbare le creature al proprio passaggio.

Leggi tutto: Sampaguita Reef, Cebu, Filippine

Lazzaro e Capo dell’Armi

Un bel sarago maggiore mostra la sua livrea notturnaAlcuni autori identificano in Capo dell'Armi il confine fisico dello Stretto di Messina sul versante meridionale, sponda calabra. Il promontorio, anticamente noto come Leucopetra promontorium, è uno sperone di roccia alto poco più di un centinaio di metri che si tuffa in un mare blu cobalto, molto profondo già a pochi passi da riva. Prospiciente il capo, una fascia di bassofondo separa il promontorio emerso da una successiva scarpata di roccia confinante con la sabbia, una sorta di lingua compatta di calcare perpendicolare al profilo costiero, che raggiunge in breve i –50 mt.
Le immersioni più interessanti non sono soltanto sui fondali antistanti il capo, ma soprattutto su quelli del vicino paese di Lazzaro, il cui lungomare è punto di partenza per interessanti esplorazioni profonde su cigliate che, a tratti, si snodano lungo un percorso quasi sempre parallelo alla spiaggia.


Leggi tutto: Lazzaro e Capo dell’Armi

Notturna d'inizio inverno

Notturna d'inizio invernoSembra proprio che quest'autunno piovoso stia per trasformarsi in inverno con un certo anticipo. 
Guardo dalla finestra l'orizzonte e la luce crepuscolare; nonostante il cielo carico di nubi e un residuo vento da nord invitino a rimanere seduti sul divano a leggere un libro, decido di tuffarmi nelle acque del lido di Reggio, anche per riprendere l'uso della muta stagna in questa nuova stagione fredda. Raggiungere il litorale è ardua impresa: resto imbottigliato nel traffico di una città frenetica per gli acquisti di Natale e difficilmente riesco a mantenere la calma…"Fortuna che fra breve riuscirò a infilare la testa sott’acqua", mi ripeto più volte.

Leggi tutto: Notturna d'inizio inverno

NEWSLETTER - iscriviti!

Il libro... DQ

Le avventure subacquee (e non) di Lore, Maurizio, Marco e tanti altri a bordo di una barca per immersioni nel mar rosso sudanese...

 

Sublandia new logo!