Dimensioni testo

Racconti di immersione

Luna di Tonnara

Pesce luna nella tonnara di Camoglio - Promontorio di PortofinoMattina di inizio giugno a Camogli; cielo coperto, il sole appare a sprazzi tra le nubi.
Il piccolo gruppo di sub attende in silenzio, per non disturbare, sul gommone grigio del B&B Diving di Roberto, di fronte a Porto Pidocchio, a fianco dell’asino, la barca di tonnara che si sposta di volta in volta e porta il pescato a terra.
Davanti l’abitato di Camogli si sta svegliando, dietro Punta Chiappa e, oltre, l’Area Marina Protetta di Portofino.

I pescatori della tonnarella, sulla barca grande, sono al lavoro per iniziare la seconda levata del giorno. La prima ha riservato la sorpresa di un’enorme ombrina, oltre quaranta chili, come non se ne pescavano da decenni.
I sub sono quasi pronti, in attesa di entrare in acqua. Quando Roberto dà il via si tuffano e nuotano in superficie in direzione Camogli, seguendo il profilo della rete che guarda il mare aperto.

Tonnarella di Camogli - Immersione sub in tonnara - La barca detta asinoCerchiamo di fare meno rumore possibile.
Parliamo pochissimo e a bassa voce… lunghi momenti di silenzio quasi irreale.
Oltre le lenti delle nostre maschere si compie un rito ultracentenario, fatto di fatica e sudore.
I sei pescatori, in piedi uno accanto all’altro, sulla barca grande, levano la pesante rete di filato di cocco, con movimenti lenti e ritmati. Levano e calano, levano e calano.
Come i loro padri, i loro nonni, come gli uomini di Camogli da centinaia di anni.
Aspettiamo, a pochi metri da loro, il permesso di entrare nella camera della morte.
Il pescatore più anziano parla, non riusciamo a capire cosa dica.
Dai movimenti in superficie e dagli spruzzi Maurizio, il Raìs, sa cosa contengono le reti in questa levata.
Ancora qualche istante e lo scopriremo anche noi.
Entra Erika, la seguiamo scivolando oltre la rete, e giù.

Ancora una volta ci sono cascato. La mia ricognizione lungo costa per cercare qualcosa e placare la fame mi ha fatto ritrovare dentro, attraverso il labirinto, e ora qui. Non si torna indietro, e non si esce, tutt’intorno è uno sbarramento unico.
Esattamente come un mese fa… potevo immaginarlo, che quella deviazione mi avrebbe riportato qui. Mi auguro che le cose non siano cambiate nel frattempo, che mi risolleveranno e ributteranno oltre, liberandomi nel blu.
Ma questi ora che ci fanno qui? Tutti quei lampi di luce negli occhi, il movimento… cosa sta succedendo?


Pesci luna nella tonnaraIntorno a noi qualche ricciola e poi tanti pesci luna, l’occhio enorme, a fissarci quando si avvicina. Alcuni sono grandi, altri più piccini. Sono almeno una ventina. Sembra si stiano chiedendo il perché della nostra presenza.
Si aggirano in questa piscina di rete che li tiene rinchiusi, nuotano veloci nonostante le strane pinne, lunghe e sproporzionate su un corpo tondeggiante.
E’ un turbinio di pinne...subacquei in caccia di scatti e pesci luna.
Più su si aggirano le ricciole, spaventate; loro non verranno liberate come i pesci luna.

Il tempo fugge, i minuti scorrono a manciate, ed è già ora di risalire. Usciamo dalla camera della morte, quando ormai è tanto stretta da consentire ai pescatori di estrarre i pesci, a mano come al solito, e come richiede la pesca in questa tonnarella, che non prevede la mattanza.

ITonnarella di Camogli - Immersione sub in tonnara - La barca grande e i pescatorin superficie, ancora in silenzio, osserviamo il lavoro di dodici braccia che dalle reti si sporgono e issano il ricavato della pesca, poi afferrano i malcapitati pesci luna e li lanciano oltre i galleggianti, vicino a noi, liberandoli...sino a che qualcuno di loro non tornerà lungo costa, senza ricordare che lo sbarramento lo ricondurrà dentro questa temporanea disavventura.

Risaliamo a bordo del gommone, e non c’è bisogno di parlare, ce lo leggiamo negli occhi; l’incontro con i pesci luna è stato emozionante, e lo serberemo in noi, come tutte le sensazioni ed emozioni che l’essere subacquei ci regala ogni volta.

NEWSLETTER - iscriviti!

Il libro... DQ

Le avventure subacquee (e non) di Lore, Maurizio, Marco e tanti altri a bordo di una barca per immersioni nel mar rosso sudanese...

 

Sublandia new logo!