Dimensioni testo

Tuffi in qua e in là

Immergetevi in sicurezza, tenetevi allenati e in forma!

Mantenersi sempre in allenamento e in buona forma fisica: il DAN esamina l'importanza di mantenere in efficienza la più importante macchina per la sicurezza in immersione, il subacqueo; nonchè l'importanza di una periodica valutazione di idoneità all'immersione effettuata da medici specialisti.
Poichè l'esplorazione del mondo subacqueo comporta stress fisiologico, psicologico ed ambientale diversi da quelli incontrati all'asciutto, la valutazione di idoneità dovrà prestare attenzione, in particolare, al corretto funzionamento di certi organi ed apparati critici, come l'orecchio, i polmoni, il cuore e il sistema circolatorio, il cervello e il sistema nervoso, il sistema muscolo-scheletrico. Vediamola più nel dettaglio.


(...) la stagione nel nostro emisfero sta cambiando, è tempo di prepararsi per una nuova, sicura ed entusiasmante stagione subacquea. Si controlla e si esamina l'attrezzatura, si fanno programmi per le prossime uscite subacquee ma, troppo spesso, si ignora o, nella migliore delle ipotesi si sottovaluta, l'efficienza della più importante macchina per la sicurezza in immersione: il subacqueo.

Non si enfatizza mai abbastanza l'importanza di una periodica valutazione di idoneità all'immersione effettuata da medici specialisti.

Studi epidemiologici in paesi dove un esame annuale è imposto per legge hanno dimostrato che il controllo regolare dello stato di salute e della efficienza funzionale della macchina umana gioca un ruolo essenziale nella prevenzione degli infortuni e degli incidenti subacquei, che sono significativamente più frequenti fra la popolazione appartenente ad aree dove questo esame non è obbligatorio (R. Cali Corleo. The Benefits of Pre-Dive Medical Screening. Master of Public Health Thesis. Faculty of Medicine, University of Malta. August 2002) (DAN Europe ha ideato un Diving Medicine Course, dedicato ai medici di famiglia, ai medici dei club subacquei e ad altri tra cui gli specialisti di medicina dello sport, che possono non essere a conoscenza di specifici problemi riguardanti l'attività subacquea...).

Tuttavia la medicina subacquea non è una specializzazione molto comune e non esistono molti medici che conoscono a sufficienza questa materia, per rilasciare opinioni corrette e certificati di idoneità. Sono fondamentali le conoscenze appropriate e le conoscenze specifiche dei subacquei stessi, come pure il supporto che organizzazioni come il DAN possono dare alla comunità dei subacquei e ai medici non specialisti.

Tenendo presente che l'esplorazione del mondo subacqueo comporta stress fisiologico, psicologico ed ambientale diversi da quelli incontrati all'asciutto, si deve prestare attenzione al corretto funzionamento di certi organi ed apparati critici, come l'orecchio, i polmoni, il cuore e il sistema circolatorio, il cervello e il sistema nervoso, il sistema muscolo-scheletrico.

Si deve fare attenzione specialmente a:


Condizioni che possono essere influenzate dalle variazioni della pressione ambientale:

    *Le cavità naturali o artificiali sono normalmente e liberamente comunicanti con l'ambiente esterno?

Il medico deve valutare attentamente il tratto respiratorio superiore, cercando eventuali infiammazioni o situazioni patologiche che riducono il libero flusso di aria o gas da e per i seni, l'orecchio medio, i polmoni. Patologie come rinite allergica, sinusite, malfunzionamento delle tube di Eustachio, ridotta mobilità del timpano, bronchite, asma, etc, devono essere attentamente ricercate ed eventualmente diagnosticate da appropriati esami fisici e test di laboratorio.

Condizioni che possono influire negativamente sull'autocontrollo del subacqueo nell'ambiente sommerso:

    *Vanno considerare tutte le condizioni metaboliche, cardiache o neuro-psicologiche che possono avere un effetto improvviso sullo stato di coscienza o sull'autocontrollo.

Diabete non controllato, epilessia, vertigini, narcolessia, certe disritmie cardiache e certi difetti delle valvole, condizioni psicologiche che portano facilmente ad attacchi di panico, depressione non controllata o patologie psicotiche, possono portare ad improvvisa perdita di coscienza o incapacità di gestirsi e, se a terra questo può anche non avere conseguenze, in acqua può portare ad annegamento e morte. In generale tutte le condizioni che sconsigliano la guida debbono anche essere considerate con estrema prudenza riguardo all'immersione.

Condizioni che interferiscono con la forza e l'agilità in acqua e sui mezzi nautici:

    *Si devono considerare età, corporatura, forza, abilità natatorie, coordinazione motoria in condizioni difficili.

Per un subacqueo sono essenziali la capacità di muoversi e di nuotare con efficienza, con e senza pinne, la capacità di trasportare senza rischi di danni o lesioni l'equipaggiamento spesso pesante, la capacità di mantenere l'equilibrio sulle piattaforme in movimento. Persone di corporatura molto minuta possono incontrare problemi, eccessivo stress e potenziali traumi, anche se l'attrezzatura subacquea è adeguata alla loro forza e corporatura. Individui con problemi motori, ortopedici o neurologici possono avere difficoltà a mantenere l'equilibrio su una barca mentre si muovono indossando l'attrezzatura, o anche solo nuotando e pinneggiando sott'acqua. In questi casi possono essere richiesti particolari accorgimenti e speciali dotazioni di sicurezza. Questi problemi dovrebbero essere attentamente presi in considerazione dai subacquei stessi, dagli istruttori, dai capigruppo e dai medici che fanno le valutazioni di idoneità.

Condizioni che influenzano la performance aerobica:

    *Compatibilità con i picchi di massima performance muscolare e cardio-respiratoria?

Considerate che:

    *Le patologie cardiache sono responsabili di oltre il 25% degli incidenti subacquei mortali.
    *Gli incidenti tra i subacquei sopra i 50 anni sono solo l'8% del totale, ma
    *Gli esiti mortali dopo i 50 anni sono il 25% della totalità.

L'efficienza cardiovascolare e la capacità di affrontare una domanda improvvisa di performance fisica sono vitali per la sicurezza del subacqueo. Anche in condizioni di mare apparentemente calmo si può verificare un'emergenza che all'improvviso può richiedere uno sforzo fisico significativo e sostenuto. Per i sub sopra i 40 anni è importante e dovrebbe essere obbligatorio un esame completo che comprenda lo ECG da sforzo.

I subacquei dovrebbero essere consapevoli di questi punti basilari per la propria salute e sicurezza, discuterne a fondo con i medici di famiglia, i quali possono non essere a conoscenza delle speciali necessità dell'ambiente sommerso, ma focalizzeranno in modo appropriato l'attenzione se correttamente indirizzati.

Siate subacquei sicuri ancor prima di bagnarvi! Pensate avanti, tenetevi in forma, controllate regolarmente la vostra salute e godetevi le immersioni!

Immergetevi in sicurezza, tenetevi allenati e in forma!

II - 2003 - ARTICOLO DAN EUROPE - ALERT DIVER

Editoriale del Prof. Alessandro Marroni

per gentile concessione DAN Europe

NEWSLETTER - iscriviti!

Il libro... DQ

Le avventure subacquee (e non) di Lore, Maurizio, Marco e tanti altri a bordo di una barca per immersioni nel mar rosso sudanese...

 

Sublandia new logo!