Dimensioni testo

Calamaro gigante vivo filmato da giapponesi

Una squadra di ricercatori giapponesi è riuscita a filmare un calamaro gigante vivo, forse per la prima volta nella storia, ed a spiegare che le elusive creature potrebbero essere ancora più abbondanti di quanto si credesse. La squadra di ricerca, diretta da Tsunemi Kubodera, ha filmato il calamaro gigante in superficie durante la gattura al largo delle isole Ogasawara a sud di Tokyo questo mese. Il calamaro che misurava circa 24 piedi di lunghezza, è morto durante la cattura...

"Riteniamo che questa sia la prima volta che qualcuno ha filmato un calamaro gigante vivo" ha detto Kubodera, un ricercatore del Japan's National Science Museum. "Ora che sappiamo dove trovarli, pensiamo potrem avere più opportunità di studiarli in futuro".

I calamari giganti, formalmente denominati Architeuthis, sono gli invertebrati più grandi del mondo. Siccome vivono nelle profondità dell'oceano, sono stati avvolti per lungo tempo dal mistero, contornati dal folklore e considerati mostri marini, che apparivano negli antichi miti greci o in attacchi al sottomarino in "20.000 leghe sotto i mari" di Giulio Verne

Il calamaro  è stato catturato utilizzando un tipo di calamaro più piccolo come esca, ed è stato issato su un'imbarcazione per la ricerca  "dopo una lotta", ha detto Kubodera. "Ci sono volute due persone per issarlo a bordo (...)".

Kubodera racconta che i capodogli hanno condotto la sua squadra al calamaro. Trovando un area dove essi si nutrivano, ha ritenuto che potessero trovare qui l'animale. Afferma anche che secondo una prima impressione essi potrebbero avergli causato le ferite che poi lo hanno ucciso.

Il calamaro, una femmina, non era ancora adulto ed era relativamente piccolo se rapportato agli standard.
Il calamaro più grande registrato sembra essere di 60 piedi.
Kubodera e il suo team hanno condotto spedizioni nell'area per circa tre anni prima di riuscire nel loro primo contatto due anni fa. Lo scorso anno, il team è riuscito a scattare una serie di fotografie degli animali nel loro habitat naturale - anche queste immagini si ritiene siano le prime nel loro genere

Sino a questi eventi, la maggior parte degli studi scientifici su queste creature ha potuto contare soltanto su campioni parziali che si erano arenati già morti o morenti o erano stati ritrovati ritrovati nel sistema digestivo di capodogli che si nutrono proprio di calamari. Potrebbero esserci più calamari giganti di quanto si ritenesse precedentemente.

" I capodogli necessitano da 500 a 1.000 chili di cibo ogni giorno" dice  "Si ritiene ve ne siano circa 200.000 e questo suggerisce che ci siano molti calamari giganti di cui nutrirsi. Non credo che siano in periocolo di estinzione".

Per l'intera storia di Eric Talmadge visitate:
Researchers capture live giant squid on videotape


Fonti:
Herald Tribune

Divenews.com


statistiche

NEWSLETTER - iscriviti!

Il libro... DQ

Le avventure subacquee (e non) di Lore, Maurizio, Marco e tanti altri a bordo di una barca per immersioni nel mar rosso sudanese...

 

Sublandia new logo!